Tricloro 90% in polvere per piscina altamente solubile 5kg

Sconti! Tricloro in polvere da 5 kg

Nuovo prodotto

Tricloro 90% in polvere per piscina altamente solubile 5kg

Maggiori dettagli

45,00 €

Paga in tutta sicurezza
Paga in tutta sicurezza

Tricloro 90% in polvere per piscina altamente solubile 5kg

Uno dei motivi per cui l'acqua della vostra piscina  diventa opaca è per la scarsa presenza di cloro.Questo permette ai batteri e alle alghe di proliferare a scapito dell'igiene della vostra piscina; i motivi per cui l'acqua si opacizza sono molteplici, potrebbe essere dato dalle condizioni climatiche, dall'inquinamento dal numero di bagnanti, dai raggi UV, la cosa ideale da fare è misurare il valore di cloro presente in acqua e nel caso sia inferiore a 1 ppm è necessario agire integrando cloro a rilascio lento ovvero il Tricloro. Tricloro in polvere è stato studiato per stabilizzare i valori di cloro libero nella vostra piscina, ed evitarne la rapida degradazione grazie alla presenza di agenti stabilizzanti, così facendo la vostra piscina resterà  Igienizzata più a lungo.

MODALITA' D'IMPIEGO:

Introdurre la quantità necessaria di tricloro in polvere astral all'interno di uno skimmer o di un dosatore, a questo punto azionare l'impianto di filtrazione della piscina in modo che il prodotto chimico sciolga grazie dalla circolazione dell'acqua attraverso lo skimmer o il dosatore.

E' necessario inoltre che tutto il volume d'acqua della piscina venga riciclato almeno 1 volta al giorno, attraverso l'impianto di filtrazione.

E'sconsigliato gettare direttamente nella vasca il tricloro in polvere perchè potrebbe macchiare o danneggiare il rivestimento della vostra piscina. Il cloro residuo libero dovrà avere un valore compreso tra 0,5 e 1,2mg/l., valore che si potrà misurare rapidamente utilizzando l'apposito analizzatore di pH e di cloro. Vi consigliamo di controllare suddetto valore almeno 2 volte al giorno.

Il Cloro come dosarlo e utilizzarlo per una piscina sempre perfettamente sanificata ?

Funzione del cloro e tipi di cloro :

Il cloro nelle piscine sia fuori terra che interrate, si utilizza per eliminare gli agenti patogeni presenti nell’acqua, spesso causa di infezioni e gravi allergie per l’uomo. Bisogna però dosarlo in maniera corretta, rispettando alcuni parametri specifici.

In commercio si trovano diverse tipologie di prodotti per clorare l’acqua della piscina. L’ipercloruro di sodio, per esempio, è una soluzione liquida che si versa direttamente nell’acqua. L’ipercloruro di calcio, disponibile in pastiglie o granuli, che vengono fatte sciogliere nella vasca ed ancora il cloro organico, anch’esso disponibile in commercio in pastiglie o granuli. Il cloro va utilizzato quando i valori dell’acqua presentano una bassa acidità.

Nell’ipotesi di acqua con un valore di acidità elevato, andrebbe usata una dose maggiore di cloro che però alla fine risulterebbe dannosa per l’organismo umano. Quest’ultimo ha il vantaggio di non modificare il pH dell’acqua, ha una lunga conservazione e non lascia residui alle pareti.

Modalità d’uso e dosaggio : Cloro in pastiglie per piscine

Le pastiglie di cloro, poiché hanno un contenuto di circa il 90% di prodotto attivo, sono più indicate per una disinfezione a lungo termine. Vanno inserite in una boa galleggiante o in appositi dosatori detti skimmer, che ne consentono un rilascio graduale nel tempo. mediamente in una quantità approssimativa di 50 metri cubi d’acqua, ogni 7-14 giorni bisogna inserire nella boa o nello skimmer 1 o 2 pastiglie di cloro.

Se la piscina è utilizzata da un considerevole numero di persone oppure l’acqua è esposta ad una temperatura elevata, allora sarà necessario aumentare la dose almeno di un’altra pastiglia. Per effettuare una disinfestazione massiccia invece si utilizza il cloro in granuli. Per il primo trattamento la dose consigliata è di 150 grammi per 10 metri cubi d’acqua. I granuli vanno prima sciolti e poi versati nella vasca già riempita. Successivamente l’operazione deve essere ripetuta ogni 14 giorni. Anche in questo caso, se il numero degli utilizzatori è elevato oppure se la piscina è esposta ad un calore solare eccessivo il contenuto dosaggio deve essere modificato. Il valore del cloro di una piscina fuori terra non deve mai essere inferiore ad 1 PPM.

Dosaggio periodico

Il dosaggio periodico del cloro nell’acqua della piscina, oltre a garantire l’igiene dell’acqua, contribuisce ad impedire la formazione di alghe e di altre sostanze organiche all’interno della vasca. Attraverso l’utilizzo di specifici sistemi di misurazione del cloro è possibile tenere sotto controlli i valori dello stesso, intervenendo quando questi si abbassano oltre una soglia minima prevista. ogni prodotto, a seconda della marca utilizzata, presenta al suo interno una tabella contenente le quantità di cloro da inserire periodicamente per mantenerne il livello la soglia prevista.

E’ assolutamente sconsigliabile agire in maniera approssimativa un errato dosaggio, in difetto o in eccesso, va a modificare il valore del cloro presente nella piscina annullando gli effetti igIenizzanti del prodotto, oppure creando problemi salutari anche di una certa rilevanza, dovuti ad un eventuale sovra dosaggio perché sempre entro. Inoltre durante il periodo di maggior utilizzo della piscina, solitamente nei mesi di Luglio ed Agosto, andrebbe fatta una clorazione simile a quella iniziale, lasciando riposare l’acqua almeno una mezza giornata.

Trattamento di chiusura piscina

Cloro rapido granulare

Al momento in cui termina la stagione estiva, è preferibile lasciare la piscina piena e coperta da un telone. Questo per evitare che le pareti ed il fondo, appositamente realizzati per resistere all’acqua, possano danneggiarsi a causa della sua totale assenza. Il giorno precedente alla chiusura della piscina, è necessario versare nella vasca una dose abbondante di cloro in polvere, verificando il dosaggio dall’apposita cartina, insieme ad una quantità determinata di prodotto svernante. L’uso combinato delle due sostanze, permetterà all’acqua presente nella vasca di evitare la formazione di alghe ed altri organismi, preservando anche l’intera struttura. L’intera vasca deve poi essere ricoperta con un apposito telone realizzato per la chiusura delle piscine.

Da ricordare :

Durante il periodo di “fermo” della piscina, non deve essere fatto alcun intervento, salvo poi svuotarla, ripulirla e ripetere nuovamente tutte le precedenti operazioni all’inizio della nuova stagione estiva o comunque al momento del riutilizzo della piscina.

cloro tutarial

cloro tutarial, uso e dosaggio del cloro per le piscine

Scarica (372.69k)

Potrebbe interessarti anche ..